Sesto weekend di RestART Palermo, 7 e 8 agosto: orti e giardini in notturna. Aperta Casa Professa, film muti e degustazioni

Sabato 8 agosto venti partecipanti potranno visitare Villa Tasca e passeggiare per i viali romantici del giardino, scoprire una dimora nobiliare dove hanno dormito Wagner – che qui compose il secondo atto del Parsifal – e Bismarck, Ferdinando e Carolina di Borbone, Margherita di Savoia e Jacqueline Kennedy, ospitati nei saloni ancora intatti, con gli affreschi e le maioliche raffiguranti scene rupestri. Al termine della visita che inizierà alle 18,30 e prevede un ticket di 30 euro, prenotazioni www.restartpalermo.it, drink in terrazza con vini Tasca d’Almerita.

E’ uno degli appuntamenti di RestART che si prepara al suo sesto weekend di vita: oltre venti tra monumenti e siti aperti dalle 19 a mezzanotte. Aperto anche l’Orto Botanico, per un’altra passeggiata tra specie esotiche e giardini di piante medicinali, ascoltando cicale e grilli, magari arrivando alla vasca con le ninfee. Il resto del programma di RestART prevede tutta una serie di piccole iniziative. Continua il ciclo di letture tratte dai documenti storici dell’Archivio comunale, venerdì verrà raccontato il rito della “Passeggiata alla Marina. Musica e passatempi al Foro Italico”, sabato toccherà ad un excursus attraverso “Le antiche porte di Palermo e la malavita. La riqualificazione delle strade”. Ticket: 3 euro sulla piattaforma www.restartpalermo.it

Per le proiezioni di “4 risate mute”, all’oratorio di San Mercurio cortile San Giovanni degli Eremiti la ribalta sarà tutta per Charlie Chaplin: domani, “Charlot a teatro” (A Night in the Show_1915), esilarante cortometraggio ambientato in un teatro di Vaudeville con Charlot, visibilmente ubriaco, alle prese con improbabili cambi di posto e animati incontri con pubblico, attori e orchestrali. Sabato toccherà invece a “Charlot macchinista” (Behind the Screen_1916). Dalle 19 alle 23, repliche ogni 30 min. Ticket: 3 euro sulla piattaforma www.restartpalermo.it. Infine, all’Oratorio di San Lorenzo, degustazioni di prodotti tipici siciliani d’eccellenza offerti da alcune giovani aziende innovative. dalla birra artigianale Bruno Ribadì, prodotta a Cinisi, ai formaggi del caseificio Bompietro, alla selezione di eccellenze siciliane.

Tra gli

altri siti che aprono le porte, lo Spasimo con l’altare del Gagini appena recuperato;la Torre di Sant’Antonio Abate, Palazzo Mirto, palazzo Abatellis e il Teatro Massimo, il Museo archeologico Salinas e il Museo Riso; San Giovanni degli Eremiti, Villa Zito e Palazzo Branciforte; la chiesa di Santa Caterina dove si potrà salire fino alla cupola, e lo stesso capita per la vicina chiesa del SS. Salvatore. Una prospettiva inedita anche per Casa Professa (bisogna approfittarne sabato, poi sarà aperta solo il 21 e il 29 agosto), la chiesa della Catena e la chiesa di San Matteo. Oltre a San Mercurio e San Lorenzo, aperti anche gli oratori serpottiani del SS.Rosario di santa Cita, del SS. Rosario e il cinquecentesco Oratorio dei Bianchi.

RestART è organizzato dall’associazione Amici dei Musei Siciliani e da Digitrend.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...