๐—”๐—ป๐˜๐—ถ๐—ฐ๐—ผ ๐—ฏ๐—ฎ๐—ฐ๐—ถ๐—น๐—ฒ ๐—ถ๐—ป ๐—ฐ๐—ฒ๐—ฟ๐—ฎ๐—บ๐—ถ๐—ฐ๐—ฎ ๐—ฟ๐—ฒ๐—ฐ๐˜‚๐—ฝ๐—ฒ๐—ฟ๐—ฎ๐˜๐—ผ ๐—ป๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฒ ๐—ฎ๐—ฐ๐—พ๐˜‚๐—ฒ ๐—ฑ๐—ถ ๐—ฆ๐—ฎ๐—ป ๐—ฉ๐—ถ๐˜๐—ผ ๐—Ÿ๐—ผ ๐—–๐—ฎ๐—ฝ๐—ผ

Un grande bacile di ceramica รจ stato recuperato dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana, nelle acque della tonnara del Secco a San Vito lo Capo, in provincia di Trapani. La datazione, che sarร  confermata da ulteriori studi, sarebbe da collocarsi fra epoca greca e romana.ย 

Il reperto, recuperato quasi intatto, era stato localizzato dall’istruttore subacqueo Marcello Basile che ne aveva dato notizia al funzionario della Soprintendenza del Mare, Pietro Selvaggio. 

E cosรฌ oggi, dopo aver avvisato i Carabinieri e la Polizia Municipale di San Vito lo Capo, i sub Marcello Basile e Andrea Mineo, con la presenza in immersione del Soprintendente del Mare Ferdinando Maurici, hanno proceduto al recupero, con l’assistenza in barca di Carla Rigoli.

“Il nostro mare – ha dichiarato l’assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identitร  Siciliana, Alberto Samonร  – continua a restituire interessanti reperti archeologici, che testimoniano la ricchezza storico culturale della Sicilia. Un patrimonio immenso, che vede la Soprintendenza del Mare costantemente impegnata con azioni di individuazione, interventi di recupero e una capillare e incessante attivita di valorizzazione”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...